Make your own free website on Tripod.com

Dal Secolo XIX del 20/10/2000

Turismo in crisi, anzi no si spacca il consiglio di Varazze

Varazze. Turismo: non è profondo rosso come si temeva, anzi i dati riferiti al quinquennio e, in particolare, agli ultimi otto mesi, sarebbero confortanti. Cifre a parte, sul caso è guerra aperta fra: maggioranza e opposizione. Lo scontro è sfociato l'altra sera nell'abbandono del consiglio da parte del 'Timone" e di "Nuova Varazze" che dopo cinque ore di discussione volevano essere gli ultimi a parlare, a termini di regolamento. Le cifre. Le presenze a Varazze nelle strutture ricettive sono aumentate dal '94 al '99 del 14,8 \ per cento, mentre nell'Apt savonese l'aumento è stato del 4,85. Le presenze nel 2000 sino al 31 agosto hanno segnato un calo dell' 1,4, mentre nella stessa Apt e stato deI 6, 7. "Da ciò - dicono gli amministratori - si denota una sostanziale tenuta della città. Quanto all'abbandono della seduta da parte della minoranza, osserviamo che la richiesta di convocazione del consiglio era pervenuta in maniera anomala, e su questa anomalia la minoranza ha tentato di giocare. Sarà comunque necessario riesaminare il regolamento per evitare che lasci adito a interpretazioni capziose. I problemi. Giovanni Baglietto (Nuova Varazze) accusa: «Assoluta carenza di parcheggi, specie per camper e moto; pessima, tardiva e fallimentare programmazione; latitanza promozionale; alcuni i cosiddetti imprenditori capaci solo di batter cassa. Questo, il quadro che presenta Varazze». Sergio Regazzoni (Forza Italia) parla del turismo-sociale: «Molti potenziali ospiti hanno rifiutato Varazze per l'assenza di un posto di primo intervento medico. Ho ricordato che l'istituzione del presidio estivo dell’ASL costerebbe 180 milioni, briciole di fronte a un bilancio di quasi 50 miliardi, di cui 25 in conto capitale. Attendo che sindaco e vice rispondano alla mia osservazione». Il sindaco Busso affronta oggi un'altra prova. Si inizia in Tribunale, a Savona, il procedimento civile chiesto da un sindacato di polizia municipale. L'accusa è comportamento antisindacale.

Angelo Regazzoni