Make your own free website on Tripod.com

La Stampa del 16/12/2001

Martedì sera al cinema Abba di Cairo un’altra assemblea:”Qualcuno ci spieghi questo tradimento”

Filippa, una polemica infinita

Consiglieri provinciali di FI accusati dal comitato

«Quell'interrogazione? Il bacio di Giuda, alla fine è caduta la maaschera ipocrita di una classe politica che non rappresenta certo i cittadini e di cui, pensavamo, saremmo riusciti a fare finalmente a meno». Non ha peli sulla lingua, Mino Ferrari, presidente dell' Associazione per la difesa della salute, dell'ambiente e del lavoro» nata per contrastare il progetto di discarica alla Filippa portato avanti dalla Ligure Piemontese Laterizi.

Ma è tutto il comitato che ha letto, sconcertato, l'interrogazione presentata dai consiglieri provinciali di Forza Italia nella quale,  «ritenuto che il progetto possa avere carattere di conformità, sotto ogni profilo, e che la realizzazione dell'intervento soddisferebbe rilevanti interessi pubblici affidati alla cura della Provincia senza sacrificarne altri», sottolineano come “un eventuale provvedimento di diniego dell'approvazione, qualora presentasse, come da più parti si teme, profili di illegittimità, esporrebbe la Provincia alla conseguente, e pesante, azione risarcitoria da parte della "Ligure Piemontese Laterizi”.

Dal Comitato non ci possono credere: «Un volta faccia inaudito. Fra i firmatari di quell'interrogazione ci sono consiglieri che nel Consiglio provinciale del 19 marzo, che ha approvato all'unanimità una mozione contraria al progetto, ci davano, sapendo di mentire, tutto il loro appoggio. Così Livio Bracco, che, come si legge nei verbali, criticava la giunta per non aver preso prima una posizione di deciso rifiuto; oppure Marco Melgrati, che affermava "una volta tanto non esiste uno di destra o di sinistra, ma esiste il no della gente all’inserimento di una discarica nel contesto di un territorio che è già sofferente; o Roberto Schneck che invitava la Giunta ad esprimere un parere negativo, sottolineandoci la sua solidarietà promettendo "per come sono libero, anche politicamente, e questa è la grande differenza, io verrò a Cairo con voi, ed eventualmente andremo in Regione insieme", E' questa la grande libertà degli uomini di Forza Italia? Cambiare direzione a seconda di come gira il vento? Rimangiarsi dichiarazioni e prese di posizioni messe a verbale?», Martedì sera, alle ore 21, presso il cinema Abba,è stata indetta un'assemblea pubbli- ca alla quale sono invitati tutti i cittadini e tutti i rappresentanti degli schieramenti politici, «soprat- tutto quelli di Forza italia, se avranno il coraggiocma non credia- mo, di spiegarci i motivi di una così meschina sceneggiata». [m. ca.]