Make your own free website on Tripod.com

LA Stampa del 6/1/2002 

IL COMUNE SI SCHIERA CON I CARABINIERI: GIUSTE LE MULTE, PREZZI ESAGERATI 
Caro-pane, interviene Busso 
Varazze: il sindaco «convoca» i panificatori 

VARAZZE Il pane più caro d´Italia si vende a Varazze. Una polemica annosa che in questi giorni è tornata d´attualità con l´arrivo dell´euro. Alcuni panificatori hanno subito «arrotondato» facendo impennare il prezzo del pane a 3,80 euro, pari a 7.300 lire al chilo. Sono arrivate subito le prime multe dei carabinieri e qualche rivenditore rischia anche una denuncia per frode in commercio. Ma dai panificatori è arrivata una risposta precisa: paghiamo le multe, adeguiamo i listini prezzi alle normative ma il costo non scende. 
E´ questo lo scenario nel quale si appresta a scendere in campo il sindaco Giovanni Busso. Il caro-prezzi non giova all´immagine di Varazze e rischia di accentuare una crisi del turismo che quest´estate si è rivelata davvero preoccupante. Spiega il sindaco Busso: «Sapevamo che l´euro avrebbe creato qualche disservizio. Ci vuole maggiore pazienza di quella solita. Ma quando ci sono operatori commerciali che ritengono di sfruttare il momento per aumentare i prezzi, per lucrare senza curarsi della diminuzione del potere d´acquisto dei cittadini, penso che non solo sia corretto ma addirittura indispensabile l´intervento dell´autorità. Condivido l´azione svolta dai carabinieri del maresciallo Zeppa e da parte mia ho incaricato il Comando dei vigili urbani di svolgere accurate verifiche sulla situazione». E aggiunge: «Varazze è finita ancora una volta sulle cronache nazionali per avere il pane più caro d´Italia. Questo fatto colpisce non solo il portafogli dei cittadini ma anche l´immagine della città, dipingendola come una città carissima mentre invece credo che sia nella norma delle località turistiche. Comunque per questa pubblicità ne soffrono tutti, ne soffre l´economia». Il sindaco Busso ha anche indetto una riunione dei panificatori e dei rivenditori nel corso della quale chiederà formalmente che vangano abbassati i prezzi. Spiega Busso: «Bisogna capire le ragioni di questo fenomeno e inviterò anche i panificatori a contenere il costo dfel pane, anche se è bene chiarire che la legge non dà ai Comuni alcun potere sul contenimento dei prezzi». 

p. p.